generale/Quattro chiacchiere con ...

Agriverde e il crowdfunding: prova superata!

Logo Agriverde Campagna CrowdfundingIl 2016 è stato l’anno del trentesimo compleanno della Cooperativa Sociale Agriverde, impegnata nell’inserimento lavorativo di persone svantaggiate nel settore della cura del verde, pubblico e privato, e dell’agricoltura biologica. Per festeggiare un traguardo così importante, Agriverde ha deciso di raccontare la propria storia con un video e un libro arricchito da disegni inediti di Andrea Pazienza, fratello di uno dei soci della cooperativa.

Per realizzare il progetto Agriverde è riuscita a completare una campagna di crowdfunding, che le ha permesso di raccogliere quasi 7.000 € da 390 sostenitori. Fabrizio Pedretti di Agriverde ci ha raccontato come è andata.

Quale è stato il percorso che vi ha portato a decidere di lanciare una campagna di crowdfunding?

Nel corso degli ultimi due-tre anni in diverse occasioni ho avuto modo di conoscere l’attività di GINGER. L’esperienza del crowdfunding mi ha incuriosito fin dal primo momento, perché poteva metterci alla prova in un ambito dove siamo molto deficitari: la promozione delle nostre attività.

Prima del lancio della campagna non avevate neanche una pagina Facebook, che avete aperto in occasione della raccolta fondi. Questo progetto è stata l’occasione per implementare nuove attività di comunicazione nella vita di Agriverde?

abbiamo cercato di investire risorse, anche economiche, su questo versante, realizzando anche due video (oltre a quello della campagna, uno su un bellissimo intervento in tree climbing sulle colline di Bologna), nonché lo spettacolo teatrale ERBA MATTA!, nato grazie a un laboratorio teatrale durato sei mesi e curato dai colleghi e amici del Teatro dell’Argine – ITC TEATRO di San Lazzaro.

Vi siete imbattuti in una difficoltà imprevista? Se sì, come l’avete superata?

Devo dire che grazie alla formazione preliminare, al supporto dato da EMILBANCA e al costante stimolo dato da GINGER, non abbiamo avuto imprevisti significativi. Sapevamo di dover mettere dell’impegno nella campagna e così abbiamo cercato di fare.

Quale è stata invece la sorpresa più bella che vi ha riservato questa esperienza?

Per essere dei neofiti abbiamo avuto tanti limiti, così aver provato di fare la nostra prima cena di raccolta fondi, con la collaborazione del Centro ANCESCAO “Annalena Tonelli” di San Lazzaro, ci ha fatto incontrare e conoscere tante persone amiche della nostra Cooperativa, esperienza vissuta anche durante la festa del 25 giugno, con cui abbiamo lanciato la nostra campagna.

Cosa ha significato per Agriverde fare crowdfunding?

Abbiamo toccato con mano l’affetto e la considerazione di cui gode la nostra realtà: probabilmente non aspetteremo dieci anni per replicare le esperienze fatte in questi pochi mesi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...