generale/Quattro chiacchiere con ...

Il crowdfunding come nuovo punto di partenza – Intervista a Associazione d’iDee

Un appartamento di Bologna. Un gruppo di ragazzi e ragazze con sindrome di Down. Una realtà, Associazione d’iDee, che organizza per loro percorsi finalizzati a sviluppare competenze utili a vivere in autonomia. Un idolo: Gianni Morandi. Un sogno: incontrarlo. Un obiettivo: raccontare tutto questo con un cortometraggio.

Potremmo sintetizzare così l’essenza di Sognando Gianni Morandi, campagna di crowdfunding che abbiamo avuto il piacere di ospitare su ideaginger.it e che è riuscita a raccogliere il 127% del budget e a coinvolgere oltre 160 sostenitori.

Abbiamo chiesto a Associazione d’iDee di raccontarci alcuni dettagli di una campagna di successo, di cui tanto si è parlato e che è riuscita a trasformare un sogno in realtà.

La prima volta che ci siamo incontrati per parlare di crowdfunding non pensavate di raccogliere fondi per girare il cortometraggio. Poi la svolta; come mai?

Abbiamo riflettuto a lungo sul bisogno della nostra associazione e alla fine è emerso che il tanto lavoro e l’impegno profuso in più di 10 anni, ha sempre faticato ad emergere al di fuori delle famiglie che ci hanno seguito. Da tempo i ragazzi e Giovanni in particolare, ci parlavano del sogno di incontrare Gianni Morandi e così è nato il desiderio di raccontare, attraverso questo sogno, la storia della loro crescita, nonché della professionalità e della dedizione che in questi anni gli educatori hanno dimostrato. Il cortometraggio è lo strumento più diretto per portare all’attenzione della cittadinanza un racconto profondo ed emozionante come quello che si svolge dentro Casa delle iDee.

Impossibile resistere alla storia di Giovanni e degli altri ragazzi che frequentano Casa delle iDee. Come stanno vivendo l’esperienza nata con Sognando Gianni Morandi?

Fin dal primo momento abbiamo scelto di condividere insieme ai ragazzi e alle famiglie il progetto, accompagnando tutti loro in continue riflessioni e spronandoli ad esternare il loro parere, visto che saranno i protagonisti di questo film. L’entusiasmo ha caratterizzato tutti loro, insieme a momenti più difficili dove è emersa la fatica e le emozioni hanno avuto bisogno di tempo per essere elaborate insieme al sostegno degli educatori.

Quali sono stati i vostri segreti per raggiungere e superare il traguardo della campagna?

Sicuramente l’affiatamento di tutta l’equipe e la stretta collaborazione con Agenda, che oltre ad essere un gruppo di professionisti, si è dimostrata essere un gruppo di persone estremamente empatiche e capaci di creare relazioni profonde con i nostri ragazzi.

Uno dei momenti topici della vostra campagna è stato quando Gianni Morandi ha deciso di venirvi a trovare per cantare insieme ai ragazzi. Come è andata? Come hanno vissuto questa esperienza Giovanni e i suoi amici?

Be’ dire che è stato emozionante è forse riduttivo. L’incontro tanto atteso è stato svelato poco prima ai ragazzi, che hanno dimostrato un’educazione e un comportamento davvero adeguato per tutta la permanenza di Gianni. La gioia è stata assaporata da tutti, il divertimento e l’allegria nel cantare insieme al loro idolo è stato davvero commovente per tutti i presenti, per un ricordo che rimarrà sicuramente per sempre in ognuno di noi che l’ha potuto vivere.

Una campagna di crowdfunding non è solo uno strumento di raccolta fondi. Cosa vi ha lasciato, oltre al denaro, questa esperienza?

Ci ha fatto capire quanto sia importante coinvolgere le persone in un’idea; portare la cittadinanza a conoscenza dei progetti che si svolgono ti spinge ad andare avanti e l’incoraggiamento, anche semplicemente con una frase, ti da molta forza e non ti fa sentire solo. La campagna ti porta anche a comprendere l’impegno che devi mettere perché funzioni, il lavoro è molto e non si può mai mollare, fino alla fine.

Per concludere, cos’è secondo voi il crowdfunding?

Il crowdfunding è una possibilità, oltre che per cercare di realizzare un obiettivo attraverso un aiuto economico dei sostenitori, anche di fermarsi e riflettere su quale parte del tuo lavoro vuoi portare avanti; il crowdfunding può essere un nuovo punto di partenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...